Ossigenozonoterapia



L’ozono terapia o meglio ossigeno ozono terapia serve a produrre nel paziente che vi si sottopone una grande serie di benefici che sono in grado validamente di contrastare la sintomatologia di un gran numero di patologie alcune delle quali veramente ingravidante tra queste abbiamo l’ernia del disco e tutta la patologia correlata alle artropatie generiche insieme a queste è possibile trattare numerosissime altre patologie che vanno dall’ acne alla cellulite ed alle problematiche di tipo estetico le ulcere da decubito e diabetiche è tutta la sintomatologia legata alle malattie cronico-degenerative ed autoimmuni la prima delle quali e di ottimo aiuto nelle sindrome da stanchezza cronica il trattamento che viene effettuato durante una seduta di ossigeno ozono terapia consente al medico di aumentare significativamente  il potenziale antiossidante e di abbattere l’azione dei radicali liberi.

 

Questi infatti sono i principali responsabili della ossidazione tissutale e quindi del conseguente invecchiamento cellulare questa tecnica terapeutica favorisce un notevole miglioramento della circolazione sanguigna in tutti i tessuti corporei e secondariamente il rilascio di ossigeno si riesce così a conseguire una lunga serie di benefici per il paziente che vanno dall’ effetto antiinfiammatorio a quello antidolorifico dall’effetto immunomodulatore ( che è la capacità di aumentare la risposta del sistema immunitario ) a quello battericida.

L’ozono è un gas che potremo in altri termini denominare forma allotropica dell’ossigeno ed è normalmente presente nel corpo umano in quanto viene prodotto dai neutrofili un tipo cioè di globuli bianchi. Fisiologicamente la sua funzione è quella di attaccare batteri, funghi e virus grazie al suo potere antiossidante ed è di grande aiuto terapeutico nel contrastare infezioni ed infiammazioni sia croniche che acute.

Le metodiche con cui si pratica questa terapia sono fondamentalmente quattro

1 iniezioni da effettuare nel tratto somatico interessato

2 due applicazioni topiche sulle zone interessate

3 insufflazione per via anale attraverso una apposita cannula

4 autoemotrasfusione che utilizza il prelievo di una determinata quantità di sangue del paziente che viene arricchito dalla miscela di  ossigeno/ozono e successivamente reintrodotto attraverso la stessa vena dalla quale è stato prelevato

La comunità scientifica ha riconosciuto ufficialmente l’efficacia di questo trattamento che fortunatamente ha pochissime controindicazioni che il medico che la pratica conosce perfettamente.

I campi d’azione in cui applichiamo l’ossigenoozonoterapia sono:

Medicina estetica

  • Teleangectasie
  • Capillari
  • Cellulite
  • Rughe
  • Acne
  • Anti aging

 

Geriatria

  • Disturbi della senilità

 

Medicina interna

  • Malattie del ricambio
  • Stati disendocrini e dismetabolici
  • Morbo di Crohn
  • Alterazioni delle componenti del sangue
  • Rettocolite ulcerosa
  • Stipsi ostinate
  • Dislipidemie
  • Gastiti
  • Epatiti

 

Neurologia

  • Depressione
  • Cefalee vasomotorie
  • Cefalea a grappolo

 

Chirurgia

  • Ustioni
  • Degenza post operatoria

 

 

Ginecologia

  • Micosi
  • Fibromi
  • Vaginiti
  • Disturbi del ciclo mestruale
  • Annessiti tubariche

 

 

Otorinolaringoiatria

  • Riniti
  • Acufeni
  • Sinusiti
  • Otiti croniche
  • Otiti purulente
  • Sordità rinogena

 

Angiologia e flobologia

  • Insufficienza venosa
  • Ulcere post flebitiche
  • Piaghe da decubito
  • Arteriopatie
  • Ulcere diabetiche
  • Coronaropatie
  • Flebopatie
  • Gangrene

 

Ortopedia e reumatologia

  • Conflitti disco-radicolari
  • Reumatismi articolari
  • Artrite reumatoide
  • Atonia muscolare
  • Lombosciatalgie
  • Gonartrosi
  • Periartriti
  • Artropatie
  • Anchilosi
  • Artrosi
  • Neuriti

 

Odontoiatria

  • Piorrea
  • Parodontosi
  • Disinfezioni
  • Controllo della carica microbica
  • Lesioni mucose

 

Oncologia

  • Leucemie e metastasi
  • Coadiuvante trattamento chemioterapico
  • Coadiuvante nei trattamenti con radiazioni

 

 

Immunologia

  • Allergie
  • Immunostimolazione

 

 

Cardiologia

  • Ischemia
  • Recupero post infarto

 

Dermatologia

  • Eczemi
  • Micosi
  • Herpes simplex
  • Herpes zooster
  • Foruncolosi ed acne
  • Dermatiti
  • Psoriasi

Pneumologia

  • Bronchite
  • Asma bronchiale
  • Enfisema polmonare

 

 

Urologia

  • Impotenza vascolare
  • Disturbi minzione
  • Induratio plastica penis
  • Prostatiti
  • cistiti

Un bellissimo studio che partirà a breve volto a dimostrare l’efficacia dell’ozonoterapia con un controllo dello stress ossidativo e del potenziale antiossidante:

 

LO STRESS OSSIDATIVO

Nell’uomo abbiamo un delicatissimo equilibrio tra la produzione e l’eliminazione dei cosiddetti radicali liberi. Questo atto avviene ad opera di sistemi di difesa antiossidanti che possono essere più o meno efficaci; se assistiamo alla rottura di questo equilibrio ( che scientificamente viene denominato stress ossidativo ) assisteremo di conseguenza alla problematica legata all’insorgenza di lesioni cellulari che se continuate nel tempo portano all’insorgenza di moltissime patologie ed alla accelerazione del fisiologico processo di invecchiamento. Una sintetica definizione di stress ossidativo è quella di una condizione patologica che viene scatenata nelle cellule e nei tessuti del nostro organismo dall’azione nociva di quantità troppo elevate di radicali liberi. Questo avviene in due condizioni: o per un aumento dei radicali liberi o perché viene a mancare ( oppure essere deficiente ) la fisiologica capacità di difesa nei loro confronti operata dai sistemi antiossidanti.

Le cause che scatenano una aumentata produzione di radicali liberi sono da ricondurre a numerosi agenti eziologici come:

Fattori ambientali cioè radiazioni inquinamento

Stati fisiologici come la gravidanza

Lo stile di vita che prevede alimentazione alcol fumo mancanza di adeguata attività fisica

Fattori psicologici come lo stress psico-emotivo

Patologie come le infiammazioni acute e croniche, le infezioni, tutte le vasculopatie, le neoplasie, i traumi e le malattie cronico degenerative.

A questo dobbiamo aggiungere fattori iatrogeni come l’assunzione di alcuni farmaci la radioterapia ed i raggi x

Dobbiamo poi considerare quali sono le motivazioni che portano ad un abbassamento delle difese antiossidanti:

Ridotta assunzione di antiossidanti causata da diete monotone/errate/incongrue e conseguente ipovitaminosi

ridotto assorbimento di antiossidanti che ritroviamo nel morbo celiaco nel morbo di Crohn ed in tutte le sindrome di malassorbimento

ridotta capacità di utilizzare gli antiossidanti che è causato da un deficit dei meccanismi di captazione e trasporto

insufficienza dei sistemi enzimatici antiossidanti  dato da Fattori iatrogeni e genetici

eccessivo consumo di antiossidanti dato da una eccessiva produzione di specie reattive

assunzione di farmaci che provoca un sovraccarico del sistema microsomiale

Ciò che si propone in questo studio, da effettuale su svariate patologie, è di dimostrare con esami mirati e specifici, il beneficio che l’ossigeno ozono terapia è in grado di portare.

I test di laboratorio che effettueremo saranno:

  1. Il d ROMs test è un test fotometrico cioè eseguibile nei laboratori di analisi con device elettromedicali dedicati attraverso uno strumento analitico denominato fotometro. Questo esame consente di determinare la capacità ossidante del plasma dovuta agli idroperossidi denominati ROOH cioè sostanze che appartengono alla classe dei cosiddetti metaboliti reattivi dell’ossigeno ( Reactive Oxygen Metabolites ROMs )
  2. Il BAP test è l’acronimo per Biological Antioxidant Potential cioè il test per la determinazione del potenziale biologico antiossidante altresì conosciuto come potere antiossidante ed è anch’esso un test fotometrico che viene eseguito con lo stesso device con cui si esegue il d ROMs test ma utilizzando differente metodica Come già accennato prima il BAP test ci permette di determinare la concentrazione nel sangue degli antiossidanti che hanno il compito di combattere lo stress ossidativo e fornisce una misurazione globale di molti antiossidanti tra i quali acido urico, acido ascorbico, proteine, alfa-tocoferolo, bilirubina ed altri.